siamo anche su facebook

Scriveteci per avere informazioni sui lavori, richiedere gli schemi o semplicemente esserci amici su: follow us on https://www.facebook.com/pages/Daggry/449841758445779?ref=stream&hc_location=timeline

o su daggryfaidate@gmail.com


Tuffatevi nei libri della “Foresta delle Meraviglie”, dove in ogni avventura personaggi strabilianti vi accompagneranno attraverso regni infuocati o demoni della notte.

http://wwwscrittricedaggryvios.blogspot.it/


lunedì 30 dicembre 2013

disegni computerizzati

Disegni computerizzati
Guardate come sono belli  disegnati prima  a matita e poi e computerizzati  dalla nostra Daggry pennellino che ha firmato anche gli altri disegni , questa volta  per i romanzi dalla nostra bravissima Daggry scrittrice 





venerdì 27 dicembre 2013

bambola di stoffa Narnia


Bambola di stoffa 
The Chronicles of Narnia



È il primo pupazzo realizzato dalla nostra Daggry studentessa,
Peter è il protagonista del Libro "Le cronache di Narnia" di C.S. Lewis.
Ha cercato di realizzarlo da se, e con tantissimo impegno e buona volontà.


Sicuramente è un lavoro ben riuscito, quello originale è stato trovato in rete e lo ha realizzato una ragazza molto brava.
Ma gli schemi del pupazzo e del vestito li ha  fatti la nostra Daggry.
Il lavoro è stato diviso in settori per far capire un po’ i vari passaggi.



 occorrente:
Pennarello nero e azzurro,
telina adesiva per cucito;
panno lenci rosa, giallo, marrone scuro e chiaro, bianco.
Spilli
Macchina per cucire
forbici;
rinforzatore per bambole;

Imbottitura per pupazzi

PREPARAZIONE:
Testa:   Ci sono molti modi per realizzarla nei pupazzi manga, noi abbiamo seguito più la realizzazione per i pupazzi normali,ma abbiamo avuto non pochi problemi, soprattutto perché alla fine il pupazzo non resta molto in piedi.
Prima di tutto create dei modellini in carta della testa, dei capelli e del corpo.
Dalla sagoma di carta tagliate un pezzo tondo con un pizzetto ai due poli, di panno lenci rosa.


Occhi: Sulla telina adesiva (è una stoffa sottilissima che si incolla ai tessuti,serve per irrigidire i colletti e le maniche), disegnate con il pennarello nero e azzurri gli occhi e la bocca. Tagliateli bene (eliminando se possibile i contorni bianchi) i due pezzi e con il ferro da stiro incollarli sul panno lenci rosa precedentemente tagliato.
Avremo così il viso con gli occhi e la bocca simili a quelli di un manga (se non sapete disegnarli, su internet ci sono un sacco di modellini di occhi e bocca). 
occhi e bocca


occhi di Peter











Capelli : Con il panno lenci giallo, tagliate i capelli in tre parti, il ciuffo e le basette laterali e la calotta posteriore (usate la sagoma per la testa).
Usate gli spilli, sul pezzo rosa posizionate il ciuffo e le basette.
Unire i due pezzi della testa (rosa e giallo)
Fate una prima cucitura.


viso e capelli da cucire

Orecchie: Sono nascoste dai capelli ma ci sono, devono essere cucite insieme a tutti i pezzi della testa e dei capelli, facendo attenzione al verso di cucitura. per ottenerli basta tagliare 4 piccoli pezzetti di panno lenci rosa a forma di mezzaluna unirli a due  a due

doll hair

cheveux de poupée


sagoma capelli in carta

Corpo: Tagliate due pezzi uguali di panno lenci rosa tenendo le proporzioni della sagoma.
Cucirlo a mano lungo tutto il suo contorno lasciando aperto il lato superiore che andrà cucito con la testa.

sagoma corpo in carta

sagoma corpo ritagliata



намеціць цела лялькі
Cucite la testa a rovescio facendo attenzione ai capelli (fate delle prove con dei piccoli punti prima e poi cucirlo con la macchina per cucire, lasciare aperta la parte inferiore della testa. Imbottirlo.
Prima di cucire i due pezzi (la testa e il corpo) dalla testa far passare all'interno dei rafforza tori che troverete in merceria, il nome non lo ricordiamo, ma è adatto per i pupazzi e dovrebbe mantenere la testa ben salda al corpo.
Cucire tutto insieme a mano.


rinforzo per testa



Abiti: Con il panno lenci marrone scuro tagliare due pezzi per il pantalone e due per la casacca e cucirli a mano direttamente sopra il pupazzo.
Fare un rettangolino sempre col marrone scuro con un cerchietto giallo per la cintura.


hlače platno Lenci

Per le scarpe e la borsetta, tagliare un pezzetto 4 rettangolini di panno lenci marrone chiaro (per le scarpette) e 2 per la borsetta (di cui uno più lungo dell'altro). cucire a mano.
Infine, con pezzetti di panno lenci bianco, orlare le maniche e il bavero  cucire  a mano.



borsetta in panno lenci
Handtaschentuch Lenci
tissu de veste Lenci










人形用ドレス

Peter-Le cronache di Narnia
capelli

corpo

occhio


retro


giovedì 26 dicembre 2013

Presepe Napoletano



Legno e bricolage

Il presepe napoletano

Un altro bel presepe creato dal nostro Daggry legnetto.

Questo è più piccolo del precedente, ma la particolarità è che tutti i pastori e le casette con gli addobbi (escluse le botti e la scaletta) sono originali napoletani degli anni settanta, quando non esistevano le imitazioni e quando i pastori erano datti con la creta e semplicemente decorati a mano.

Purtroppo molti di loro col tempo hanno perso dei pezzi e i colori brillanti originari, ma la bellezza è rimasta intatta.
Questo presepe può sembrare confusionario, ma ha in se tutta la bellezza di un vero presepe fatto in casa.
 





I più belli quelli esposti in molte chiese napoletane, sono quelli del ‘600 e ‘700 che riprendono scene di vita quotidiana.
Una radicata tradizione che ancora oggi non ha perso il fascino e l’importanza di un tempo.







Ricchissimi di particolari, la grotta è quasi messa in disparte, e si amalgama al pezzo di scena che si è voluto fermare come in un istantanea.


Ed è questa la bellezza del presepe, ricreare una storia che si racconta ogni anno. Ed ogni napoletano va fiero del suo presepe, piccolo, umile o grande che sia.
Il periodo natalizio, parenti ed amici ammirano l’opera fatta, prendono spunto e a loro volta diventano artisti. 

mercoledì 25 dicembre 2013

buon natale 2013

Oltre ogni aspettativa iniziale, questo blog ha riscosso un bel successo di pubblico.
Voglio ringraziare  tutti i Draggy che in quest’anno hanno collaborato alla sua realizzazione  ma in particolare lasciatemi ringraziare la Daggry scrittrice, la Daggry studentessa e la piccola Daggry che con la loro fantasia e il loro entusiasmo ci hanno riempito la vita di fantasia.
E a tutto il mondo che si è collegato con noi, Europa, Asia, Africa, Americhe, Oceania, auguriamo che la vita sia serena e un po’ meno frenetica. 
Buon e Feste a tutti voi e grazie
Daggry 

martedì 24 dicembre 2013

alberi di natale

Alberi di natale in lana


Simpatici  delicati questi segnaposto di natale che allieteranno le vostre tavole durante le feste, creati dalla nostra Daggry pon pon 


Occorrente:
Lana verde;
cartoncini colorati gr 200;
fili d'angelo natalizie;
bandierine;
piccole decorazioni;
forbici.

preparazione:
Create un pon pon (vedi "Gatto di natale Natalino"), poggiatelo su un cartoncino tondo precedentemente tagliato.
Con le forbici cominciate a tagliare dal basso e spuntatelo fino alla punta, dategli la forma di un cono.
Mettete infine i fili d'angelo come decorazione e infilate a lato la bandierina col nome segnaposto.
buone feste Daggry 


  



L’albero di Natale non è di tradizione  italiana, ma dei paesi germanici, la prima ad addobbarne uno fu la regina Margherita di Savoia (seconda metà dell’800 a Roma).
alberelli segnaposto

Ci sono mille modi diversi per adornare un albero di Natale, si va dal classico con le lucine classiche (dette pisellini a Napoli) palline e festoni agli addobbi più chic che tutti, almeno una volta vorrebbero in casa.

Ci siamo sempre ripromessi di addobbare  un albero di un solo colore, ma poi ci facciamo prendere la mano e sistemiamo tutte le palline (comprese le preferite di tutta la famiglia), perché è nostra convinzione, che, così come l’albero ha un anima e coscienza, anche gli addobbi hanno il diritto di far bella figura di se una volta l’anno.
Quella di addobbare l’albero a Natale è una vecchia tradizione che si ripete ancora oggi e che ha preso piede anche in culture e religioni assai diverse dalle nostre. 






La tradizione vuole che sia l’ abete l’albero designato,  decorato con palline di plastica colorate, festoni e lucine e ai suoi piedi i regali.
A Napoli viene preparato l’8 dicembre, mentre a Milano il 7 dicembre (S. Ambrogio) .

Ognuno poi lo decora come vuole, ma non può mancare in cima il puntale, o una stella cometa fatta di cartone e brillantini.
alberelli di natale

Ma l’albero di Natale lo ritroviamo in tutto il mondo, persino nella stazione spaziale Mir, perché è un inno alla vita a cui nessuno sa rinunciare.

mercoledì 18 dicembre 2013

Christmas cross stitch



cross stitch Christmas

natale
Semplici e veloci anche per chi non sa ricamare e cucire molto bene.
Queste presine sono l'ideale  per chi si cimenta per la prima volta nel punto croce.
gli schemi del il Babbo Natale e l'alberello sono stati trovati su un vecchio giornale di punto croce, mentre la passamaneria natalizia in merceria.
per l'imbottitura è stata usata della vecchia spugna gialla per materassi.
Daggry 


visit on Youtube:


babbo_ natale

lunedì 16 dicembre 2013

Presepe Napoletano

presepe



"Presepe napoletano"
Legno e bricolage

c


Comincia la nostra nuova rubrica dedicata al "Legno e al bricolage" del nostro nuovo amico Daggry legnetto, che ci aiuterà nella realizzazione di nuove idee.
Questo è il primo di tre presepi da lui stesso realizzato con l'aiuto della sua inseparabile Daggry pennellino che si è cimentata nella realizzazione dello sfondo molto particolare. 
Alcuni pastori sono originari di San Gregorio Armeno a Napoli e il presepe stesso è un omaggio all'arte presepiale napoletana.




Si è cominciato con un anima in legno e compensato, la base è di balsa doppia almeno 4 cm. circondato di legno, per la pendenza sono stati sovrapposti pezzi di compensato e tranci di legno inchiodati l'uno all'altro.


presepe

Sono stati aggiunti poi delle palle di giornali per dare volume alle montagne, sistemate bene il gruppo delle lucine per le case e infine rivestito tutto con la carta roccia usando della colla  a farina (acqua e farina, mescolate con un cucchiaio di legno fino ad ottenere una crema, mettere sul fuoco e aspettare che si addensi. è una colla economica e resistente ed è la stessa usata per il presepe delle nostre Daggry pon pon e piccola Daggry).

Cercate di dare volume allo sfondo creando delle pieghe naturali tra le rocce. 
montagne e mulino

Per la cascata e stato usato un vecchio tubo per le cappe in alluminio, tagliato nella parte superiore,  è risultato pieghevole, resistente all'acqua, maneggevole e si può tagliare senza problemi.  
cascata per presepi


 Per la cascata, è stato tagliata una tanica di plastica,(quella per prendere l'acqua), una volta incollati i due pezzi insieme è stato fatto passare un tubicino per l'acqua e il motorino che lo aziona è dentro la struttura. 
laghetto del presepe

Il cielo è stato realizzato a parte.
Si prende una balsa tagliata a lunetta e si incolla a modo decoupage un foglio di carta blu senza decorazioni o stelle sullo sfondo.
Col trapano si fatto dei piccoli fori dove andranno poi posizionate le luci bianche, facendo attenzione a non rovinare il lavoro.
Poi, con il filo di piombo color oro (quello che si usa per la pittura su vetro) si colorano tutti i fori e si disegnano la stella cometa e altre stelline in lontananza.
 Si posizionano infine le luci nei fori precedentemente fatti e si rivestono i fili sul retro con la carta roccia per proteggerli dal tempo. 
cielo stellato

stella cometa
E' ora per i pastori e gli animali di prendere il loro posto e accogliere la Sacra Famiglia, con le casette illuminate, il presepe è completo.
god arbeid
Daggry 







natale

Nella cultura napoletana, se vai a far visita a qualcuno, nel periodo natalizio, devi restare ad ammirarne  il presepe come un antica reliquia fatta in casa.
Ci sono poi i pastori “fissi” di ogni presepe, un vero presepe è quello che ogni anno viene costruito, poi distrutto e ripreso l’anno seguente, ma ci sono pastori fissi, come Benito, l’uomo dormiente sopra la grotta del bambin Gesù, o il venditore di castagne, la lavandaia, il “chianchiere” (il macellaio), il pescatore e il monaco (figura importantissima, scalzo, col saio marrone probabilmente benedettino).
Come scenari fissi non deve mancare lo sfondo blu notte con stelle, il sughero per le montagne, la carta roccia per gli scenari, le casette di cartone, un ponte, un fiumiciattolo, la stella cometa brillantinata (fatta con un pezzo di cartone e i brillantini messi con la colla), e soprattutto la costruzione di legni riciclati, deve essere incollata  con una colla casalinga fatta di farina e acqua (a questo i veri cultori napoletano non transigono, mio padre era fermo e categorico, niente colla artificiale, rovinare lo spirito del presepe).
I re Magi invece fanno la comparsa solo la notte del 5 gennaio e restano nel presepe solo una giornata.
Il 6 gennaio il presepe deve essere tolto.







presepe